martedì 27 marzo 2012

Per favore non diciamo cavolate

In tv e su internet ho sentito e letto un bel po' di cretinate su quello che è successo a Bovolenta: pochi controlli, dovrebbe essere fatta più attenzione... 
Magari i giornallisti fanno di tutta un'erba un fascio ma non dovrebbero.
In Italia i controlli agli sportivi e la legislazione in merito sono accurati e rigorosi. 
Solo un esempio, Kanu, ve lo ricordate? Era arrivato all'Inter dall'Ajax e qui gli trovarono una malformazione. Operato, se ne andò a giocare in Inghilterra non per cambiare aria ma semplicemente perchè qui in Italia non si può giocare a quel livello dopo aver subito un'operazione simile... o forse non si può giocare a nessun livello, non so... stà di fatto che qui no, altrove sì.
e poi siamo noi italiani a far le cose a babbo...

2 commenti:

  1. ciaoo
    buongiorno
    complimenti
    http://laracroft3.skynetblogs.be http://lunatic.skynetblogs.be

    RispondiElimina
  2. Le morti giovani danno sempre da parlare agli imbecilli e agli ignoranti.

    Virgilio insegnò a Dante il segreto: "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa"

    RispondiElimina